Vuoi fare carriera? Piantala di ridere!

di AM il 27 giugno, 2013

6.3

Soprattutto se sei una donna!

Non ci credi? Stai a sentire…

I ricercatori della Technische Universitaet di Monaco di Baviera stanno conducendo un studio (partito nel gennaio 2011 e terminerà nel 2014) denominato “Selection and Assessment of Leaders in Business and Academia”, finalizzato a verificare come vengono selezionati e valutati i leader nel mondo degli affari e nel mondo accademico in Germania.

I primi risultati sono stati presentati a giugno 2013.

Ai partecipanti allo studio erano presentati diversi scenari all’interno dei quali i leader potenziali e i loro collaboratori avrebbero dovuto operare, chiedendo loro  indicazione circa le loro aspettative in relazione al comportamento del leader in uno scenario specifico.

Ecco alcuni delle tendenze emerse:

  • persistono nella nostra testa stereotipi che giocano un ruolo determinante nella valutazione di persone di successo, perché l’uomo è visto come assertivo, dominante e duro, mentre le donne sono viste come inclini alla mediazione, amichevoli, socializzanti;
  • se uomini e donne che si comportano esattamente nello stesso modo la valutazione è diversa, superiore per gli uomini: ad esempio, le donne che tendono a non delegare sono valutate peggio degli uomini che mostrano lo stesso comportamento;
  • le donne sono percepite come più desiderose di guidare se mostrano di essere orgogliose delle loro prestazioni;
  • per essere prese in considerazione come leader, le donne devono dimostrare competenze nella negoziazione, nella costruzione del network e nella pianificazione della carriera;
  • se comunicano allegria, le donne sono considerate meno disponibili a ruoli di leadership rispetto agli uomini che mostrano emozioni paragonabili;
  • le donne si aspettano dagli uomini maggiore competenza nella leadership.

Che cosa possiamo imparare da questo studio, dando per scontato il teutonico rigore metodologico?

Prima di tutto che stereotipi e pregiudizi rappresentano ancora un avversario difficile da sconfiggere, soprattutto perché invisibile e capace di agire contro di noi a nostra insaputa.

Inoltre, proprio perché considerate meno adatte al comando, le donne sembrano avere maggiori ostacoli da superare e competenze da provare (anche alle altre donne…) rispetto agli uomini: insomma, il soffitto di cristallo tiene, tiene benissimo.

Infine, sembra che la leadership sia cosa solo per gente triste e ingrugnita, alla faccia di quello che ci raccontano i libri americani: vogliamo il leader uomo, accigliato, pronto allo scontro e a difenderci in caso di pericolo.

Per concludere, se sei donna e vuoi fare carriera smetti di sorridere e vai in giro a sbandierare quanto sei brava.

E poi ti prenderemo in considerazione.

Forse…

Cosa ne pensi?

 

Collegamenti utili

{ 3 commenti… prosegui la lettura oppure aggiungine uno }

Elena marzo 10, 2016 alle 15:52

Penso che tu abbia fatto una sintesi impeccabile dell’implicito di questo studio, peraltro molto interessante. Quel che mi viene da dire è che sulla leadership femminile c’è ancora molto da lavorare.

Rispondi

Marco T maggio 3, 2017 alle 08:51

Con tutto il rispetto per il venerabile Jorge, che temeva e voleva negare il riso ed il suo valore, continuo a pensare che il saper sorridere e ridere possa costituire un segno di alta intelligenza.
Che poi in certi ambienti “aziendali” il sorridere sia considerato una forma – in fondo – di “debolezza” è assolutamente vero, ma non c’è da riderne!

Rispondi

AM maggio 12, 2017 alle 21:30

Verissimo Marco T.
Pensa che la scorsa settimana ho visitato la meravigliosa Pinacoteca Ambrosiana.
Ho visto migliaia di quadri e fra questi solo uno ritraeva una persona sorridente: un bambino.
Per il resto, solo colti musi lunghi. Maschili.
Grazie e a presto leggerti.
Arduino

Rispondi

Lascia un commento

Articolo precedente:

Articolo successivo: