Quiz – Che cosa hanno in comune queste tre persone?

di AM il 26 giugno, 2016

Quiz 16 1

Torno oggi con un quiz.

Nella foto tre persone che nella loro vita hanno fatto mestieri molto diversi: Renata Tebaldi, Rochy Marciano, Flavia Pennetta.

Le domanda che ti faccio è la seguente:

Quale aspetto accomuna la loro carriera?Palmiro 220

Le regole del gioco:

  • puoi porre domande finalizzate a rispondere alla domanda, alle quali risponderò con la tempestività che il lavoro mi consente;
  • in palio, a scelta, una copia di Palmiro, una copia del mio libro sul Capitale Intellettuale, la partecipazione gratuita a uno dei miei corsi e-learning;
  • fra le persone che risponderanno correttamente alla domanda le prime due avranno diritto al premio.

Cominciamo subito?

{ 14 commenti… prosegui la lettura oppure aggiungine uno }

clara giugno 28, 2016 alle 15:00

Tutti hanno superato malattie e sacrifici per primeggiare nella loro specialità! E avendo origini umili hanno una marcia in più per non mollare mai!

Rispondi

Andrea giugno 28, 2016 alle 18:09

Ci provo: tutti e 3 si sono ritirati dopo un’ultima prestazione di grande successo. La Tebaldi dopo un glorioso concerto alla Scala, Marciano da imbattuto campione del mondo e la Pennetta dopo il suo più grande risultato. In questo modo le persone le ricordano come “vincenti” e si alimenta il mito. 😉

Rispondi

giovanna giugno 28, 2016 alle 21:43

Hanno in comune qualcosa legato al loro filo comune:una passione nella vita, a volte travolgente

Rispondi

Mirco giugno 29, 2016 alle 06:14

Dietro ogni GRANDE campione o artista esiste la pausa o l’insicurezza, che funge da traino nella ricerca della perfezione. Esiste un insicurezza o pausa che accomuna queste 3 persone, e se Si qual è?

Rispondi

Carmelo giugno 29, 2016 alle 08:31

La perseveranza e la tenacia nel perseguire i loro obiettivi, facendo frutto delle inevitabili “cadute” per rialzarsi con più forza e motivazione.

Rispondi

AM giugno 30, 2016 alle 07:00

@Clara @Carmelo
Potreste essere più specifici?
@Andrea
L’obiettivo dei tre era l’alimentare il mito?
Grazie a tutti e a presto leggervi.
Arduino

Rispondi

Stefano giugno 30, 2016 alle 09:45

Buongiorno,
La mia sensazione è che questo quiz abbia il reale scopo di stimolare le persone a costruire una soluzione al quesito, mediante la generazione di un ragionamento logico basato su una sequenza di domande da porre ad Arduino (come Arduino stesso suggerisce “tra le righe” nella regola del gioco N°1).

La cosa che trovo simpatica è che tutti i primi 5 commenti puntano solamente a “sparare” una risposta senza che nessuno abbia usato nemmeno una domanda per collezionare ulteriori informazioni.

Secondo me sono i quiz televisivi a “risposta secca” che ci stanno culturalmente rovinando! 🙂

Detto questo, cerco di collezionare qualche informazione in più:
– L’aspetto che accomuna le loro carriere è legato ad un’epoca storica particolare delle loro vite (la loro giovinezza, l’inizio delle loro carriere, la fine delle loro carriere, ecc)? Se si, ci puoi indicare il periodo?
– A quale ambito è legato l’aspetto che accomuna le loro carriere (ambito emozionale, fisico, vita privata, obiettivi, risultati raggiunti, ecc)?

Buona giornata a tutti,
Stefano

Rispondi

Mirco giugno 30, 2016 alle 12:18

L’obbiettivo dei tre era di essere ricordati come i migliori nella loro professione

Rispondi

AM luglio 1, 2016 alle 14:23

Difficile dire se le scelte delle persone riguardino solo gli aspetti personali o professionali.
Sono contento che Stefano abbia ormai ben chiaro il meccanismo dei miei quiz :-); tuttavia, le ragioni sono ben evidenti dalla biografia.
Chiuderò il quiz alla mezzanotte di stasera.
Chi, leggendo le biografie, vuole ipotizzare una soluzione o aggiustare il tiro?
A presto leggervi,
Arduino

Rispondi

Biagio luglio 1, 2016 alle 20:18

Ciao Arduino ed un saluto anche a tutti i partecipanti e lettori.
Secondo la mia analisi le carriere di tutti e tre sono accomunate da un talento iniziale seguito da un periodo difficoltoso (Tebaldi: problema alla voce, Marciano alla schiena e Pennetta al polso) che viene superato grazie alla resilienza e tenacia dimostrata da ognuno di loro, tanto da portarli al “successo” nei rispettivi campi.
A presto
B

Rispondi

Cesare luglio 2, 2016 alle 21:38

Vediamo se io ho capito… possiamo metterci anche Greta Garbo?

Rispondi

Cesare luglio 3, 2016 alle 09:19

Confesso che avevo aggointo la mia ipotesi prima di avere letto il commento di Amdrea, che secondo me ha centrato perfettamente, molto prima di me: tutti e tre (come al Garbo) hanno saputo uscire di scena nel momento del massimo successo, restando così nel mito ed evitando il declino.
Ovviamente se lo potevano permettere, per la maggior parte di noi è necessario continuare fino alla pensione, sempre che ci arriviamo… 🙂

Rispondi

AM luglio 4, 2016 alle 17:46

La preparazione di un’aula mi ha tenuto lontano dal blog.
Non me ne vorrete se risponderò domani al quiz, vero?
A tutti una buona serata,
Arduino

Rispondi

AM luglio 5, 2016 alle 22:12

Lascia un commento

Articolo precedente:

Articolo successivo: