CIN – La gestione di un progetto di cambiamento

4.2

Nonostante di fronte al cambiamento persone e organizzazioni facciano generalmente mostra di un atteggiamento positivo e volto a cogliere le opportunità, nell’intimo esso è perlopiù vissuto come negativo, come qualcosa che si frappone fra noi e una stabilità con la quale abbiamo almeno imparato a convivere. Come superare questo stato di cose? Come fare in modo che persone e organizzazioni imparino a orientare il cambiamento nella direzione desiderata, invece di subirlo?

Presentazione

La gestione di progetti di cambiamento in ambito organizzativo presenta aspetti critici, che possono sfuggire agli occhi del management.
Accade che progetti di cambiamento riguardanti aspetti organizzativi, culturali e strategici, non siano percepiti come critici e la loro gestione sia affidata alla responsabilità di persone in possesso di conoscenze approfondite della materia in questione, ma non delle competenze necessarie alla gestione di un progetto di questo genere.
Questo corso intende rappresentare uno mezzo per acquisire tecniche e strumenti per guidare il cambiamento di natura strategica (nuovi prodotti, riposizionamento aziendale, impatto strategico indotto da nuove tecnologie , altro), di natura organizzativa (nuovo assetto produttivo, riorganizzazione commerciale, da azienda gerarchica ad azienda “orizzontale”, altro), di natura culturale (da azienda familiare a public company, da azienda nazionale ad azienda globale, altro).

Destinatari

Il corso è destinato a persone che occupano posizioni di management oppure operano come agenti del cambiamento, cioé persone che sostengono e lo sforzo dell’organizzazione nel realizzare il cambiamento desiderato, superando efficacemente le resistenze e gestendo il conflitto in modo che comporti un contenuto dispendio di energie.
L’agente del cambiamento può

  • gestire ruoli diversi (project manager, manager di funzione, specialista nella ottimizzazione di processi produttivi, top manager, ecc.);
  • operare da solo o in team;
  • essere interno o esterno all’organizzazione.

Per sapere di più sulla figura dell’agente del cambiamento fai clic qui.

Finalità

Aiutare i partecipanti ad acquisire:

  • una visione organica del fenomeno del cambiamento e delle cause, sia interne sia esterne all’organizzazione, che lo generano;
  • consapevolezza della necessità di guidare il cambiamento nella direzione desiderata, evitando di lasciarsi sorprendere e cogliere impreparati;
  • una visione organica della struttura di un progetto del cambiamento, delle resistenze che esso incontra e di tecniche e strumenti che possono aiutare a superarle.

Lingue nelle quali può essere tenuto il corso

Italiano, inglese

Contenuti

Che cos’è il cambiamento: definizione e contestualizzazione

Perché abbiamo la tendenza a mantenere lo “status quo”

Le spinte al cambiamento: interne ed esterne all’organizzazione

I tipi di cambiamento: accidentale, pianificato, adattivo, evolutivo, radicale

La dinamica del cambiamento organizzativo aspetti noti e… sorprendenti!

Scopriamo un progetto di cambiamento

  • Il project management: caratteristiche e peculiarità
  • Programma, progetto, processo, attività: definizioni e relazione
  • Le variabili strutturali di ogni progetto: obiettivi, persone, risorse, tempo
  • Le caratteristiche di un progetto da non dimenticare
  • I tipi di progetto che possiamo incontrare: strategico, innovazione, commessa, cambiamento.

Caratteristiche di un progetto di cambiamento

  • Il ciclo di vita di un progetto di cambiamento
  • Le domande da porti prima di avviare un progetto
  • Differenze fra scopi e obiettivi: perché l’obiettivo SMART può non bastare
  • Lo studio di fattibilità in un progetto di cambiamento
  • Perché è buona cosa costruire la tua checklist prima di avviare un progetto di cambiamento
  • Perché i progetti di cambiamento falliscono
  • Perché, una volta arrivato alla meta, devi subito rimetterti in marcia

Perché gruppi, funzioni e persone resistono al cambiamento

  • Comprendere bisogni, motivazioni e obiettivi altrui
  • Le più diffuse ragioni di resistenza al cambiamento
  • Perché la conoscenza, o la sua assenza, rappresenta un fattore di resistenza
  • Perché diventare un cacciatore di “gap” di conoscenza ti garantirà il successo
  • Perché non tutti quelli che resistono al cambiamento sono “cattivi”

Strategie per superare la resistenza al cambiamento

  • L’equazione del cambiamento: struttura, ambiti di applicazione, metodi di impiego
  • Altri strumenti diagnostici
  • Il negoziato cooperativo come strumento per superare le resistenze
  • Definire il percorso per il superamento delle resistenze
  • Perché il potere formale rappresenta sempre l’ultima spiaggia

Il problem solving

  • Tecniche generali per affrontare i problemi
  • Il kit di strumenti di cui dotarsi
  • Cosa puoi fare quando non sai cosa fare
  • L’insight: la ristrutturazione del contesto come strumento per risolvere i problemi
  • Perché imparare a sbagliare consapevolmente è fondamentale: tecniche per imparare da prove ed errori
  • L’impiego della metafora nel problem solving

Il profilo di chi gestisce un progetto di cambiamento

  • Il profilo del ruolo dipende dal contesto
  • Conoscenze tecniche e competenze
  • Perché saper ascoltare, saper strutturare efficacemente le domande, pensare criticamente e creativamente rappresentano caratteristiche irrinunciabili
  • Atteggiamento mentale: perché è fondamentale concentrarsi sul risultato piuttosto che sulle resistenze

Materiale didattico

  • Diapositive del corso
  • Strumento per individuare bisogni, motivazione e obiettivi delle persone coinvolte nei processi di cambiamento
  • Strumento per individuare la resistenza al cambiamento in gruppi e persone
  • Modello di studio di fattibilità per la gestione di un progetto di cambiamento
  • Articoli sul tema del cambiamento
  • Film e bibliografia

La didattica

  • È studiata e strutturata per favorire una completa immersione nel tema e l’esperienza individuale.
  • Gli argomenti NON saranno “spiegati” ai partecipanti per invitarli successivamente a metterli in pratica, secondo le tecniche più diffuse.
  • Più efficacemente, i partecipanti affronteranno le diverse situazioni attraverso esercitazioni pratiche e numerosi filmati che riproducono momenti del tutto analoghi a quelli che possono trovarsi ad affrontare quotidianamente.
  • Successivamente, potranno trarre le loro conclusioni in merito al comportamento da tenere e agli strumenti da impiegare, assumendo quindi un atteggiamento che origina da una decisione autonoma e non da una prescrizione.

Test finale e attestato di partecipazione

Al termine del corso il partecipante sosterrà un test finale, superato il quale potrà scaricare l’attestato di partecipazione.

Durata

Due o più giornate, coerentemente con le esigenze di apprendimento dei partecipanti e di approfondimento dei temi trattati.

Docente

Arduino Mancini