La vita è bella

la-vita-e-bella

Regia di R. Benigni – 1998 – Italia – 98 min.

Il Cast

Francesca Messinese, Massimo Salvianti, Giuliana Lojodice, Hannes Hellmann, Nicoletta Braschi, Roberto Benigni, Giustino Durano, Sergio Bustric, Alessandra Grassi, Claudio Alfonsi

Puoi acquistare il film su Amazon.it

 


La Trama

Verso la fine degli anni Trenta in Toscana, due giovanottelli lasciano la campagna per trasferirsi in città. Guido, il più vivace, vuole aprire una libreria nel centro storico, l’altro Ferruccio fa il tappezziere ma si diletta a scrivere versi comici e irriverenti. In attesa di realizzare le loro speranze, il primo trova lavoro come cameriere al Grand Hotel, e il secondo si arrangia come commesso in un negozio di stoffe.

Camminando, Guido si innamora di una maestrina, Dora, e, per conquistarla inventa l’impossibile. Le appare continuamente davanti, si traveste da ispettore di scuola, la rapisce con la Balilla. Ma Dora si deve sposare con un vecchio compagno di scuola, e tuttavia non è soddisfatta perché vede molto cambiato il carattere dell’uomo.

Quando al Grand Hotel viene annunciato il matrimonio, Guido irrompe nella sala in groppa ad una puledro e porta via Dora. Si sposano ed hanno un bambino, Giosuè.

Arrivano le leggi razziali, arriva la guerra. Guido, di religione ebraica, viene deportato insieme al figlioletto. Dora va da un’altra parte. Nel campo di concentramento, per tenere il figlio al riparo dai crimini che vengono perpetrati, Guido fa credere che loro fanno parte di un gioco a punti, in cui bisogna superare delle prove per vincere.

Così va avanti, fino al giorno in cui Guido viene allontanato ed eliminato. Ma la guerra nel frattempo è finita, Giosuè esce, incontra la madre e le va incontro contento, dicendo “abbiamo vinto”.

Qui sotto trovate alcune scene del film.


Come guardare il film

Benigni venditore straordinario? Ebbene sì. L’angolo dal quale vi propongo di rivedere questo splendido film è quello che permette di osservare due diverse tecniche di vendita, che il regista presenta quando veste i panni del cameriere.

Il “cacciatore”, che ha visione di breve termine, focalizzata alla ricompensa immediata (la preda) e sul prodotto che deve “piazzare”. Egli ha un interesse relativo a far crescere la relazione, se non quando essa è funzionale a fare business “ora”.

Il “contadino”, che cerca di sviluppare il potenziale di un Cliente nel tempo. Fondamentale per lui lo sviluppo delle relazioni, premianti rispetto al risultato di breve periodo.

Ebbene, il Benigni cameriere sembra conoscere intimamente i due stili, mostrando rara abilità nell’adattamento alla situazione per ottenere il miglior risultato possibile.

Puoi acquistare il film su Amazon.it

Il canale youtube di Tibicon: tibiconvideo

La pagina delle altre pellicole recensite

{ 0 commenti… aggiungine uno adesso }

Lascia un commento