Volevo solo dormirle addosso

Regia di E. Cappuccio – 2004 – Italia – 97 min.

Il Cast

Giorgio Pasotti, Cristiana Capotondi, Faju Vasquez, Sabrina Corabi, Giuseppe Gandini, Ninni Bruschetta, Jun Ichikawa, Marcello Catalano, Massimo Molea


La Trama

Marco Pressi è un giovane responsabile del personale, un HR manager, che lavora per la filiale italiana di una multinazionale.

Il suo ruolo consiste nel rendere disponibile all’organizzazione persone in possesso di competenze in grado di consentire all’azienda di essere competitiva sul mercato: insomma, persone motivate e preparate, la cui visione personale deve necessariamente coincidere con quella dell’impresa.

“People first” le parole che descrivono la strategia.

Marco è una persona capace, che raccoglie la stima di gran parte dei colleghi e che sa come intrattenere ottime relazioni, specie con i superiori.

La vita di Marco cambia quando la crisi colpisce la sua azienda: le vendite ristagnano, il management è “seduto” e i margini si riducono. È a questo punto che alcuni superiori arrivano dalla casa madre e gli offrono un obiettivo da raggiungere da settembre a dicembre a dicembre dello stesso anno: licenziare 25 persone, cioè parte sostanziale del personale.

Il premio per il raggiungimento dell’obiettivo alla fine dell’anno è un bonus molto ricco e la dirigenza, collegata alla posizione di direttore del personale: il premio per aver licenziato 24 persone invece di 25 un semplice portasigarette.

Come se la caverà Marco? Accetterà la sfida? Quale impatto avrà il nuovo incarico sulla vita professionale e su quella personale?

Come sempre, eviterò di raccontarti la trama per intero per non toglierti il gusto della scoperta.

Il film merita i 90 minuti che spenderai davanti allo schermo, anche perché la sceneggiatura e la regia riescono rendere con una certa fedeltà il clima aziendale: gli attori fanno il loro onesto lavoro, con Giorgio Pasotti e Cristiana Capotondi su tutti.

Ora, guarda alcune scene del film; poi ti dirò quali sono, a mio avviso, gli aspetti ai quali prestare attenzione.

 

Come guardare il film

Gli aspetti ai quali prestare attenzione sono molteplici.

Prima di tutto Marco è una persona che si trova a dover reinterpretare il suo ruolo: interessante osservare il disagio che provoca in lui la trasformazione da persona che deve rendere disponibili persone capaci e motivate, “People first” appunto, a deciso e spietato “tagliatore di teste”.

Fanno riflettere anche il cambiamento indotto nel rapporto con i superiori e l’impatto che il nuovo incarico ha sulla vita privata e sui carichi di lavoro.

Mai piacevoli le scene in cui affronta le persone per spingere ad accettare il licenziamento.

Insomma, un film che ci occervare la situazione di aziende che improvvisamente si trovano a dover cambiare rotta e a ridimensionare l’organico, modificando il “contratto” con i dipendenti: i quali si trasformano da pedine essenziali a costi da eliminare.

Puoi acquistare questa pellicola, salvo disponibilità, su webster.it

Il canale youtube di Tibicon: tibiconvideo

La pagina delle altre pellicole recensite

{ 1 commento… leggilo qui sotto oppure aggiungine uno }

Tiziana febbraio 19, 2014 alle 14:27

Dopo aver visto questo trailer la prima cosa che ho pensato è :
sono una persona molto fortunata ad avere un lavoro poco pagato ma sicuro….al posto di uno dei segati non so cosa avrei fatto….gran brutti tempi questi per vivere dignitosamente!

Rispondi

Lascia un commento