Knowledge management

La gestione della conoscenza aziendale. Il caso Cap Gemini Ernst & Young

A. Quagli – Egea – 2001 – 168 pagg

 

Puoi acquistare il libro su Amazon.it

 

È ormai largamente dimostrato che le aziende che ottengono i migliori risultati sono le aziende che dedicano maggiore risorse alla gestione della conoscenza e attuano progetti specifici per stimolare la comunicazione, favorire la circolazione delle esperienze maturate e da queste generare nuovo sapere attraverso l’apprendimento.

Le strategie e le conseguenti pratiche di realizzazione adottate dalle organizzazioni per governare e accrescere il capitale intellettuale disponibile diventano sempre più attuali e diversificate nella prassi della gestione.

L’intento di questo libro consiste nell’approfondire recenti sviluppo della teoria e della pratica manageriale in quest’ambito, passando in rassegna i tratti generali di progetti base di knowledge management e concentrando l’attenzione sulla knowledge based theory, secondo alcuni la migliore prospettiva di analisi per comprendere la natura stessa dei fenomeni aziendali.

Merito del libro non è il presentarci il caso Cap Gemini Ernst Young, che di per sé non ha particolare originalità, ma di condurre il lettore in modo sintetico attraverso l’evoluzione dei modelli di gestione della conoscenza nelle organizzazioni.

INDICE

LA KNOWLEDGE-BASED THEORY: UN MODELLO PER LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA

1.1  Lo studio della conoscenza aziendale: le premesse della knowledge based theory
Gli studi sull’apprendimento organizzativo
Un filone parallelo: l’evolutionary economics
La teoria delle risorse e delle competenze aziendali
I filoni di studio «operativi»

1.2  La knowledge based theory e il suo modello gestionale
La knowledge-based theory come teoria strategica
Il ciclo di trasformazione della conoscenza: il modello di Nonaka
La gestione della conoscenza in termini di politiche aziendali
La portata della knowledge-based theory

I PROGETTI DI KNOWLEDGE MANAGEMENT

2.1  I presupposti tecnico-operativi del knowledge management
I tratti strutturali e operativi dei contesti aziendali di sviluppo
L’evoluzione della strumentazione informatica
Le infrastrutture informatiche
Classificazione dei progetti

2.2  Progetti di lessons learned
Best practice «di replicazione»
Best practice «di adattamento»
Best practice «di spunto»
Requisiti e criticità

2.3  Progetti di knowledge mapping
Requisiti e criticità

2.4  Progetti di improving knowledge environment
Politiche di incentivazione per il knowledge management
Progetti per potenziare la comunicazione di conoscenze

2.5  Progetti di misurazione delle conoscenze

2.6  Lo sviluppo dei progetti di knowledge management
L’innesco del progetto, la definizione dell’obiettivo e i riflessi economici
Il knowledge audit
Lo studio del contesto applicativo: la community of practice
La definizione delle infrastrutture organizzative e informative
L’incidenza dei fattori di contesto: cultura, fiducia e tipi di conoscenze
La fase di impiego
La fase di controllo

2.7  Knowledge-Based Theory e pratica del knowledge management: alcune riflessioni
Potenzialità e limiti del knowledge management
Knowledge management e studi sulla conoscenza aziendale

UN CASO DI STUDIO: CAP GEMINI ERNST & YOUNG E IL SUO IMPEGNO NEL KNOWLEDGE MANAGEMENT

3.1  La svolta del knowledge management
La struttura tecnico-organizzativa per il knowledge management – Il KnowledgeWeb

3.2  II processo di gestione della conoscenza in CGE&Y
1. Create – 2. Capture-store – 3. Refine – 4. Distribute – 5. Use – 6. Monitor

3.3  Le attività di knowledge management a favore della clientela

3.4  CGE&Y Italia e il knowledge management
Il team di knowledge management
La pratica dei progetti di knowledge management di CGE&Y Italia

 

Puoi acquistare il libro su Amazon.it

{ 0 commenti… aggiungine uno adesso }

Lascia un commento