Un, due, tre… squadra!

Tre passi per creare un team vincente

K. Blanchard, A. Randolph, P. Grazier – Sperling & Kupfer – 2009 – 209 pagg

 

Puoi acquistare il libro su Amazon.it

 

Il potere decisionale nelle mani di pochi individui? No, non funziona più.

Con questo tipo di struttura, le aziende perdono competitività e le persone si sentono poco apprezzate.

Fortunatamente esiste un’alternativa. Ce la indicano Ken Blanchard, Alan Randolph e Peter Grazier: un processo in tre fasi per trasformare qualunque gruppo in una squadra vincente che sa come valorizzare i suoi componenti, sfruttare le idee in maniera più efficace e trovare le soluzioni migliori in poco tempo.

Attraverso esposizioni chiare, esempi e utili spunti di riflessione, questo libro vi insegna a far circolare le informazioni così da alimentare senso di fiducia e responsabilità; a definire limiti precisi per creare libertà di azione; e a sviluppare competenze di autogestione e capacità decisionale.

In questo modo lavorare in team è piacevole, appagante e veramente molto produttivo.

INDICE

Prefazione

Introduzione. Far progredire il team

Il Team Avanzato: uno sguardo al futuro


PRIMA FASE
Le competenze di base

Condividere le informazioni per creare senso di responsabilità
Definire i limiti per focalizzare l’azione
Operare in squadra per promuovere l’impegno comune


SECONDA FASE
Accelerare il cambiamento

Condividere più informazioni per creare fiducia
Ampliare i limiti per promuovere la libertà d’azione
Assumere decisioni condivise per creare senso di potere

TERZA FASE
Padroneggiare le competenze

Usare le informazioni per conseguire grandi risultati
Sostituire i limiti con la visione e i valori
Essere un Team Avanzato e conseguire grandi risultati
Congratulazioni! Il team è passato a un livello superiore

 

Puoi acquistare il libro su Amazon.it

{ 1 commento… leggilo qui sotto oppure aggiungine uno }

Stefano maggio 31, 2017 alle 17:55

Grazie per tutte le importanti informazioni che trasmetti. Quasi quasi questo libro… lo compro. Piccola nota QUASI polemica: credo che , in primis, il contenuto sia da far accettare a tutti i dirigenti che hanno paura delle persone.

Rispondi

Lascia un commento