Un manuale di meditazione

Thich Nhat Hanh - traduzione di L. Baglioni - Astrolabio Ubaldini - 1992 - 120 pagg

Il miracolo della presenza mentale

 

Puoi acquistare il libro su Amazon.it.
 

Questo piccolo manuale di meditazione, già tradotto in trentacinque lingue, è forse l’opera più nota e apprezzata del monaco e poeta vietnamita Thich Nhat Hanh.

Nato come una lunga lettera scritta dall’esilio al monaco Quang, un insegnante della Scuola per i servizi sociali giovanili, fondata dallo stesso Thich Nhat Hanh nel 1974, è un incoraggiamento ad applicare le tecniche buddhiste basilari per la presenza mentale anche nelle circostanze più difficili.

Il Buddhismo di Thich Nhat Hanh, pratico e contemporaneo, può aiutare a vivere con più consapevolezza ogni istante della vita quotidiana. Mai come in questo periodo storico e sociale l’attenzione di ciascuno di noi è da più parti sollecitata: telefono, e-mail, TV, Internet hanno introdotto la connessione permanente con il mondo esterno, contribuendo a rendere molto difficile la connessione fra l’uomo e il “sé”.

La presenza mentale è un bene da conquistare o riconquistare, perché vivere “qui e ora” rappresenta il bene più grande: per questa ragione il manuale è quanto mai attuale e utile.

Con un linguaggio facilmente accessibile al lettore occidentale, l’autore propone una serie di esercizi che introducono gradualmente alla pratica dell’attenzione meditativa e insegnano a fare delle attività più comuni e banali, come lavare i piatti o bere una tazza di tè, altrettante occasioni di crescita spirituale. I temi e gli oggetti di contemplazione sono quelli ‘classici’ del Satipatthana Slitta, il testo base sulla presenza mentale della tradizione Theravada (primo fra tutti il respiro) e cari al Buddhismo Mahayana (l’interdipendenza di tutti gli esseri, la compassione).

Lo spirito e il modo con cui sono presentati sono particolarmente vicini alla sensibilità e alle esigenze del praticante laico; l’obiettivo, riscoprire nella presenza mentale, nell’attenzione sollecita all’esperienza del momento, il fulcro di una vita più viva e più vera, dove la pace e la saggezza della meditazione silenziosa nutrono i valori della solidarietà e dell’impegno sociale.

In appendice, una testimonianza di James Forest, amico e collaboratore di Thich Nhat Hanh, e una scelta di brani tratti dai sutra buddhisti.

THICH NHAT HANH, nato in Vietnam nel 1926, è monaco zen. Nel 1967 è stato proposto da Martin Luther King per il Nobel per la pace. Attualmente vive in una piccola comunità, il Plum Village, nel sud-ovest della Francia, dove insegna, scrive, e si adopera in favore dei profughi di tutto il mondo. Viaggia regolarmente in America e in Europa per insegnare e per guidare ritiri sull’arte di Vivere consapevolmente. Ha pubblicato molti libri in inglese, francese e vietnamita. Molti dei suoi libri sono tradotti in italiano.

 

INDICE

Prefazione di Mobi Ho

1. La disciplina essenziale
2. Il miracolo è camminare sulla terra
3. La giornata della presenza mentale
4. Il sassolino
5. L’uno è tutto, tutto è uno: i cinque aggregati
6. Il mandorlo in giardino
7. Le tre risposte meravigliose
8. Esercizi di presenza mentale

Nhat Hanh: vedere con gli occhi della compassione, di James Forest

Brani scelti dai sutra buddhisti
I fondamenti della presenza mentale
II discorso sulla presenza mentale del respiro
Contemplazione del pensiero
Non dimorare nell’incondizionato
Il cuore della Prajnaparamita

 

Puoi acquistare il libro su Amazon.it

(No Ratings Yet)
Loading...
Lascia ora il tuo commento (* obbligatorio)

Nome *
E-mail *
Sito Web
Commento *