Nella mente degli altri

Giacomo Rizzolatti, Lisa Vozza – Zanichelli – 2007 – 112 pagg.

Andrea osserva Lucia mentre avvicina la mano al telefonino, appoggiato sul tavolo, che ha suonato. Andrea sa esattamente che cosa succederà: Lucia premerà il tasto di risposta e porterà il telefono all’orecchio per dare inizio a una conversazione.

Ma come fa Andrea a sapere che Lucia parlerà al telefonino? Non potrebbe invece spostarlo o buttarlo via?

Capire azioni collegate a intenzioni in un contesto, e prevederne l’esito, è qualcosa che facciamo di continuo, nelle tante situazioni cui ci capita di assistere ogni giorno. È qualcosa che avviene in noi in modo talmente naturale e spontaneo che non ce ne rendia­mo neppure conto.

Eppure questo fatto della vita che ci sembra così ovvio è alla base della capacità dell’uomo di cogliere informazioni utili nelle azioni degli altri. Se non fossi­mo in grado di capire il senso e le conseguenze delle azioni delle persone che ci circondano ci mancherebbe una parte di conoscenza essenziale per orientarci, scansare pericoli e cogliere al volo opportunità, in una parola per sopravvivere in una società costante­mente in moto.

Ma che cosa avviene nella nostra testa quando comprendiamo gli atti altrui? Su questa domanda si sono arrovellati per secoli psicologi, filosofi, neuro­scienziati, sociologi e antropologi. Mancava però una spiegazione biologica di questo fenomeno, perché le tecniche di esplorazione del cervello sono state per lungo tempo assai limitate. Fino alla prima metà del Novecento non esistevano infatti strumenti che per­mettessero di studiare l’attività individuale dei circa cento miliardi di neuroni – le cellule che sono le unità di base della materia grigia – e di capire a quali stimo­li risponde ciascuno di essi.

Né era impresa facile tro­vare una logica nei segnali che queste cellule si scambiano in continuazione.

Data la sua enorme complessità, il cervello è ancora oggi l’organo più difficile da esplorare e da com­prendere in tutte le sue innumerevoli funzioni. Mal­grado questi limiti la biologia e la medicina hanno fatto grandi progressi conoscitivi e tecnologici, tanto che oggi sappiamo come funzionano i neuroni, come comunicano fra loro e come controllano le funzioni del nostro corpo, inoltre incominciamo a disporre di ipotesi abbastanza convincenti sui meccanismi alla base di alcune funzioni cerebrali superiori, come per esempio la percezione, l’attenzione, la memoria.

Per una di queste funzioni, riconoscere le azioni degli altri e capirne il senso, si è trovata di recente una spiegazione legata all’attività delle cellule nervose chiamate neuroni specchio: questo libro racconta che cosa sono e cosa significano.

Puoi acquistare questo libro, salvo disponibilità, su webster.it

Indice

Introduzione 5
l. Neuroni e circuiti 7
A caccia di impulsi elettrici
Quale stimolo per quale neurone?

2. Il repertorio delle azioni 21
Il cervello impara per prove ed errori

3. La scoperta dei neuroni specchio 29
Tradurre la visione in azione

4. Guardare ne! cervello dell’uomo 35
La tomografia a emissione di positroni
La risonanza magnetica funzionale
Il cervello umano possiede meccanismi specchio?
Non solo mani
Specchi senza oggetti

5. II «che cosa» e il «perché» di un’azione 47
So quello che faccio, capisco quello che fai
Capisco quello che fai ma non so cosa provi
Gli esperimenti con gli animali

6. Sento il tuo disgusto, mi immedesimo nel tuo dolore 63
Pubblicità, che emozione!

7. Lo specchio rotto del mondo 69
Leggere nella mente degli altri
La mappa delle emozioni

8. Scimmiottando s’impara? 77
Quando copiare è automatico
Voler copiare
Quando copiare è facile
Quando copiare è difficile

9. Comunicazione e linguaggio 87
Dai versi degli animali al linguaggio parlato?
Dai gesti al linguaggio parlato?
Riconoscere le parole

10. Conclusioni 103
Che cosa abbiamo scoperto
Che cosa ci potrebbe riservare il futuro

Bibliografia 111

Indice analitico 113

Puoi acquistare questo libro, salvo disponibilità, su webster.it

Lascia un commento