t post

Evasione fiscale e gioco d'azzardo

2 Dicembre 2009 | di Arduino Mancini Gioco d'azzardo e lotterie

Temi senza nessun legame? Neanche per sogno.

Qualche giorno fa ho sentito alla radio la notizia secondo la quale il Governo italiano sarebbe intenzionato ad abbinare il Gratta e Vinci allo scontrino fiscale.

L’idea, mutuata dal Governo cinese, sembra voler stimolare la richiesta di uno scontrino fiscale con l’attesa di una vincita alla lotteria.

L’iniziativa sembra essere destinata al successo: gli italiani che si avvicinano saltuariamente al gioco d’azzardo sono, infatti, 30 milioni e quelli “fedeli” sono 12 milioni: l’1,5-3% dei nostri connazionali può sviluppare una vera e propria patologia, con effetti sociali che hanno poco da invidiare a droga e alcolismo.

L’iniziativa non può, per la sua stessa natura, trovarmi concorde.

Ma voglio rimanere nel campo della proposta.

Suggerisco, prima di procedere alla realizzazione, di stimare i maggiori costi che un deciso incremento del gioco d’azzardo finirà per comportare per la comunità: il gioco d’azzardo è una piaga che miete le sue vittime nel silenzio e i suoi effetti vanno analizzati con cura.

Inoltre mi parrebbe opportuno eliminare negli spot qualunque invito a “giocare con moderazione” (vedi il video per credere), soprattutto se potremmo essere invitati a farlo ogni volta che ci troviamo fra le mani uno scontrino fiscale.

Se non al gioco d’azzardo, facciamo lo sforzo di rinunciare almeno all’ipocrisia.

Non credi?

(No Ratings Yet)
Loading...
Lascia ora il tuo commento (* obbligatorio)

Nome *
E-mail *
Sito Web
Commento *