t post

E che sarà mai?

1 Luglio 2011 | di Arduino Mancini Le frasi terribili

Stavo passando di lì, ho dato solo du’ pugni e me ne sono andato via. E che sarà mai…

Questa l’espressione che un balordo ha avuto per giustificare il fatto di aver partecipato al pestaggio che ha portato a Roma alla morte di un musicista un paio di giorni fa.

Lontano da noi?

Certamente.

Senza dimenticare che “E che sarà mai” è un’espressione che impieghiamo quando intendiamo minimizzare la portata di comportamenti tenuti da noi o da persone che ci sono care, che risultano non conformi alla morale comune, al viver civile o addirittura alla legge.

E che rappresenta la pericolosa deriva che finisce, alla fine, per giustificare qualunque cosa.

Vi rimando a un bellissimo articolo di Massimo Gramellini sulla rubrica “Buongiorno” della Stampa: illuminante.

Buona lettura

(No Ratings Yet)
Loading...
Commenti
Claudia 2 Luglio 2011 0:00

Esiste una scala di valori , purtroppo diversa per ogniuno di noi.
Contribuisce a questa diversita’ lo “storico personale” per cui ogni essere e’ quello che e’ diventato.
Contribuiscono sicuramente anche l’ambiente esterno e altri fattori .
La religione non aiuta , ultimamente anzi sento spesso dire : predicano bene e razzolano malissimo.
Purtroppo lo penso anche io.
Possiamo confidare credo solo in una scintilla che abbiamo dentro e che ci fa (forse) diversi dagli altri animali …
si chiama mi pare …Coscienza .

Lascia ora il tuo commento (* obbligatorio)

Nome *
E-mail *
Sito Web
Commento *