t post

Perché molti uomini di potere ci appaiono tanto poco adeguati?

Balzac

Perché in molto casi si tratta di parvenu.

Ma chi è un parvenu?

I dizionari sono concordi nel definirlo come persona che ha acquisito una condizione economica e sociale superiore senza adeguarsi ai modi ed alle maniere del nuovo contesto.

In Italia l’uomo di potere è troppo spesso un parvenu che potrebbe essere definito come persona che ha conquistato una posizione di potere senza adeguare la sua preparazione a quella che il contesto richiede.

Insomma, dei parvenu della competenza, ai quali ben si adatta con questo suo breve pensiero di Honoré de Balzac.

I parvenu sono come le scimmie, delle quali hanno l’agilità: […] durante la scalata si ammira la loro destrezza, ma una volta che sono arrivati in cima non se ne vedono più che la parti vergognose.

Cosa ne pensi?

(No Ratings Yet)
Loading...
Commenti
Tiziana 21 Gennaio 2014 0:00

Ha ragione Honorè, si preoccupano solo di raggiungere la cima o vetta che dir si voglia, senza preoccuparsi di come ci arrivano.
L’arrampicata sociale per il “ben essere” di questi individui li porta ad equipararsi ai nostri antenati scimmie, che non si vergognano delle loro parti “vergognose” perchè non conoscono nè il pudore nè la vergogna. Ma lo schifo maggiore per me è vedere che questi soggetti spesso, troppo spesso ricoprono incarichi importanti che gli permettono di nuocere alla nostra società e di diffondere la mancanza di pudore e di vergogna a macchia d’olio.

Cesare Cioni 29 Agosto 2014 0:00

Bella frase di Balzac, ma è in gioco anche il principio di Peter (1969): “In una gerarchia, ogni persona tende a salire di grado fino al proprio livello di incompetenza”. E soprattutto il corollario: “Con il tempo, ogni posizione tende a essere occupata da un a persona che è in grado di svolgere in maniera adeguata i propri compiti”.
A questo aggiungo che in generale i mediocri non sanno di esserlo (se no si darebbero da fare per migliorare) e l’immotivata fiducia in se stessi si traduce in una sicurezza che chi invece è capace ma consapevole dei propri limiti spesso non ha; e per questo motivo gli incompetenti spesso fanno carriera (finché poi non creano danni che i competenti devono cercare di risolvere…).

    Cesare Cioni 29 Agosto 2014 0:00

    (correggo il corollario: “Con il tempo, ogni posizione tende a essere occupata da un a persona che NON è in grado di svolgere in maniera adeguata i propri compiti”.)

Cesare Cioni 29 Agosto 2014 0:00

Aggiungo che in generale il potere non andrebbe mai dato a chimostra di desiderarlo…

Lascia ora il tuo commento (* obbligatorio)

Nome *
E-mail *
Sito Web
Commento *