Quanto vuoi di aumento?

di AM il 21 maggio, 2013

Molti mi chiedono come si fa a ottenere un aumento di stipendio o interrogano il blog cercando un post dove trovare utili indicazioni.

Purtroppo non c’è una strategia che porti a un risultato certo in ogni occasione.

Tuttavia, quanti fra i lettori sono certi di essere apprezzati e di non essere adeguatamente retribuiti possono porre al capo la stessa domanda che il personaggio nella vignetta impiega, la quale presenta alcuni vantaggi:

  • almeno 8 capi su 10 la interpretano come una richiesta di aumento di stipendio, poiché ritengono che il denaro sia la principale fonte di motivazione;
  • presenta rischi praticamente inesistenti, perché è difficile criticare chi cerca una crescita professionale e al contempo offre un tangibile contributo all’organizzazione;
  • non formalizza una richiesta ufficiale, e quindi non espone al rifiuto;
  • almeno 8 capi su 10 temono le dimissioni, perché non saprebbero come rimpiazzare la persona (meritevole o no che sia…) o perché dovrebbero giustificarle.

Ho impiegato con successo questo espediente in due occasioni, dopo aver valutato attentamente le possibili reazioni del mio Capo (cosa che raccomando sempre di fare).

Dimenticavo: dopo aver avuto l’aumento c’è un periodo di circa 3 mesi in cui il rapporto con il capo migliora sensibilmente.

E sai perché?

Egli teme che tu possa avere ancora in tasca la lettera di un’altra azienda e che l’aumento che ti ha fatto avere possa non essere tale da convincerti a rimanere.

E in questo caso per lui i problemi potrebbero essere davvero seri…

Hai già provato ad adottare una strategia analoga?

 

Trovi il post anche nel libro Palmiro e lo (s)management delle Risorse Umane – Tattiche di sopravvivenza aziendale.

{ 4 commenti… prosegui la lettura oppure aggiungine uno }

Corto Maltese maggio 24, 2013 alle 21:06

Ho trovato questo blog mentre ero in cerca di riferimenti per il blog che ho appena aperto sulle stranezze e ipocrisie del mondo dell’azienda
http://dipendenteriluttante.blogspot.it/
Ho letto molti post del blog e lo trovo molto interessante, complimenti!
Vedo che ci sono raccontati e spiegati molti dei comportamenti e atteggiamenti che io racconto solo per esperienza empirica e quindi questo mi interessa molto

Rispondi

Carlo dicembre 10, 2013 alle 10:42

Una frase celebre di un nostro comune manager fornita ad un collega fu: “Non voglio che siano i soldi a farti far bene il tuo lavoro”. Da manuale !

Rispondi

AM dicembre 10, 2013 alle 18:00

Sai che non la ricordavo? Mi mandi solo le iniziali?
Grazie Carlo, e a presto leggerti.
Arduino

Rispondi

Carlo dicembre 13, 2013 alle 10:51

SB
Ciao
Carlo

Rispondi

Lascia un commento

Articolo precedente:

Articolo successivo: