Palmiro e lo (s)management delle risorse umane

Tattiche di soPalmiro con fiocco 220pravvivenza aziendale

Arduino Mancini, prefazione di Federico Silvestri – Anteprima edizioni – 2014 – 202 pagg

Per acquistare o regalare una copia firmata dall’autore scrivi a info@tibicon.net.

Trovi il libro in libreria e sui siti e-commerce, anche in tutti i formati e-book.

Acquista il libro su Amazon.it

Trovi Palmiro anche su IBS.it, laFeltrinelli.it, Mondadoristore.it e tutti gli altri siti e-commerce.

 

Contenuti del libro

Questo libro può contribuire a cambiare la visione che dipendenti, manager e imprenditori hanno della gestione delle persone e, più in generale, del lavoro.

Per quale ragione? Continua a leggere la presentazione del libro e lo scoprirai!

«Allora Luigi, mi dica. Perché mai vuole lasciarci?».
«Veramente mi chiamo Palmiro…».

Questo il dialogo che trovi nella vignetta in copertina e che fa sorgere la domanda: chi è Palmiro?

Il protagonista di una vignetta scaturita dalla vena ironica di chi scrive oppure un personaggio ben presente nelle imprese italiane o, più in generale, nelle organizzazioni?

Lasciamo che Palmiro si presenti da solo in questo breve video.

Nel libro ti racconterò, con l’aiuto di Palmiro, le strategie di (s)management delle Risorse Umane da parte delle imprese e le tattiche di sopravvivenza che ho potuto osservare in oltre trent’anni di esperienza professionale, sia come manager sia come consulente, e che ho raccolto nel mio blog: al termine di questo percorso conoscerai meglio le dinamiche che governano l’organizzazione nella quale lavora.

Il libro è costituito da una raccolta ragionata di post brevi, tutti corredati di mie vignette, che hanno come protagonista Palmiro; egli è un personaggio che lavora nei ruoli più disparati e che tutti i giorni fa quello che può per superare le difficoltà che incontra, in un ambiente professionale di rado orientato a valorizzare le persone e a comprenderne la centralità per il risultato finale.

Palmiro affronta situazioni tipiche delle dinamiche organizzative: la motivazione al lavoro, le piccole astuzie alle quali ricorre per gestire situazioni difficili o il sovraccarico di lavoro, la richiesta di un aumento di stipendio, la gestione del soffitto di cristallo, la ricerca di un (nuovo) lavoro, la gestione delle dimissioni, il rapporto con il Capo.

Il libro tocca tutti questi aspetti con ironia, senza rinunciare a quella leggerezza che ti aiuterà a entrare negli argomenti in modo immediato, lasciando nelle pagine domande sulle quali meditare e commentando sul blog attraverso il collegamento che trovi alla base di ogni post.

Ed è proprio attraverso l’ironia e la leggerezza che ho cercato di parlare ai Capi e a Palmiro:

  • ai primi affinché raggiungano la consapevolezza del fatto che il business è gestito dalle persone e che non si può avere successo senza investire su di loro con fiducia e continuità;
  • e a Palmiro, affinché faccia propria la convinzione che l’investimento sulla propria preparazione professionale rappresenta la migliore scelta possibile per il futuro.

Saremo capaci di cambiare rotta, vivendo il lavoro con meno stress e migliorando la qualità della gestione aziendale?

Credo proprio di sì, e questo libro può essere di aiuto.

Buona lettura!

E prima dell’indice un paio di vignette…

1.9 480

7.31

 

INDICE

Prefazione di Federico Silvestri

Introduzione e guida alla lettura

I. Strategie di (s)management delle Risorse Umane

DI COSA STIAMO PARLANDO?
1.1 Il paradosso delle «Risorse Umane»
1.2 Confessioni di un Direttore del Personale in pensione
1.3 Sapresti definire la formazione?
1.4 La strategia dell’ignoranza
1.5 Ndo-cojo-cojo
1.6 I fenomeni, da soli, non bastano
1.7 Problemi nella selezione del personale? Usa l’oroscopo!
1.8 Un metodo per non avere responsabilità nella selezione del personale
1.9 Quando trattenere il dipendente è un problema
1.10 Conviene sempre valutare il personale?
1.11 E se non se ne vanno?
1.12 Mai legare il cane con la salsiccia
1.13 Dodici comportamenti che fanno di me un nemico del merito
1.14 La strategia della toppa
1.15 Perché il pettegolezzo fa bene all’organizzazione
1.16 Dieci frasi alle quali non credere quando qualcuno parla… troppo!
1.17 Quando la difesa del potere sconfina nel ridicolo
1.18 Dai, Capo, rilassati!
1.19 Ma perché non mi fate dirigente?
1.20 La crisi ha colpito anche i manager?
1.21 Cosa insegna il referendum svizzero sulla retribuzione dei top manager

II. Palmiro e le tavole della legge del Direttore del Personale

DA DOVE NASCE L’IDEA DEL DECALOGO?

IO SONO IL DIRETTORE DEL PERSONALE, DIO TUO!
2.1 Primo – Non avrai altro Direttore al di fuori di me
2.2 Secondo – Non chiedere di parlarmi
2.3 Terzo – Non chiedere aumenti di stipendio
2.4 Quarto – Non limitare il tuo impegno
2.5 Quinto – Non chiedere di fare carriera
2.6 Sesto – Sii cooperativo
2.7 Settimo – Sii sempre pronto a cogliere le opportunità
2.8 Ottavo – Non mettere in discussione il tuo Capo
2.9 Nono – Non criticare l’organizzazione
2.10 Decimo – Sorridi, sempre e comunque
2.11 Come ti vorrei…

III. L’aumento di stipendio

HAI PRESENTE UNA PADELLA SENZA MANICI?
3.1 Quanto vuoi di aumento?
3.2 Quale strategia per ottenere l’aumento?
3.3 Chiedere o non chiedere l’aumento di stipendio?
3.4 Una richiesta di aumento… pericolosa
3.5 Ottenere l’aumento con il bluff
3.6 ­Conosci la clausola anti-rilancio?

IV. La motivazione

PERCHÉ A VOLTE TI SENTI COME UN’AUTO CON LE GOMME SGONFIE?
4.1 Quando la tua motivazione è chiusa in una cassettiera!
4.2 Perché è così difficile cambiare?
4.3 Quale legame esiste fra lamento e voglia di lavorare?
4.4 Chi me lo fa fare?
4.5 Il nuovo Collega? Una gran seccatura!
4.6 Non lo hai saputo motivare
4.7 Tutta colpa tua!

V. Le dimissioni

COME SI SCRIVE UNA LETTERA DI DIMISSIONI?
5.1 Palmira si dimette!
5.2 Il fascino discreto del dimissionario
5.3 Come dimettersi?
5.4 Le dimissioni… per dire!
5.5 Hai mai fatto scarpetta, dopo le dimissioni?
5.6 Cosa rappresenta un dimissionario per il suo (ex) Capo?
5.7 La rabbia, dopo il divorzio
5.8 Quelli dalla liquidazione… doppia!
5.9 Datemi solo la liquidazione che mi spetta
5.10 Un top manager che non chiede la buonuscita? Eccolo!

VI. Il soffitto di cristallo

NE HAI GIÀ SENTITO PARLARE?
6.1 Perché Palmira resta sempre Palmira?
6.2 Come aggirare il soffitto di cristallo?
6.3 Vuoi fare carriera? Piantala di ridere!
6.4 Le donne, alla guida delle aziende, fanno meglio degli uomini
6.5 Due (2…) donne fra i 100 manager più pagati
6.6 Quando il pregiudizio diventa ottusità
6.7 Come gli uomini costruiscono il soffitto di cristallo
6.8 Se avessi 10.000 euro da investire, a chi li affideresti?
6.9 Ho solo paura per i miei calzini

VII. Tattiche di sopravvivenza

E ORA VIENE IL BELLO…

ANTI-CURRICULUM, COMPETENZA, EFFICACIA PERSONALE
7.1 Pensiero e azione secondo Abramo Lincoln
7.2 Prima di fare, pensa!
7.3 Quanto vale l’ignoranza?
7.4 Formazione, una chimera
7.5 Essere o sembrare?
7.6 Sotto l’acqua il cemento. Spero…
7.7 Meglio essere bravi o fortunati?
7.8 Conta più il talento o la preparazione?
7.9 Come valuti la qualità del tuo lavoro?
7.10 Ecco il mio anti-curriculum
7.11 Sei suggerimenti per scrivere il tuo anti-curriculum
7.12 Stai cercando di cambiare lavoro, vero?
7.13 Cercare lavoro? È un lavoro!
7.14 Un semplice check-up di carriera
7.15 Sai vendere te stesso? Rispondi a tre domande!

PER NON… SOCCOMBERE!
7.16 Cosa fai quando arrivi in ritardo?
7.17 Una strategia di problem solving infallibile. O quasi…
7.18 Poi vediamo
7.19 Il miglior problema? Quello che non c’è!
7.20 Ma io stavo scherzando!
7.21 Lo so, ma non te lo dico!
7.22 Adesso te l’ho scritto!
7.23 Adesso te l’ho scritto: la versione di Federico
7.24 Adesso so da chi devo guardarmi
7.25 Tu paghi, io firmo!
7.26 Stanco di lavorare sempre «per ieri»? Ecco un utile test!
7.27 Mai fare, subito, la cosa giusta
7.28 Conosci la delega per… dimenticanza?
7.29 Se il tuo Capo ti chiede un parere
7.30 Quando al Capo gli si gonfia la vena
7.31 Se il tuo Collega diventa il tuo Capo…
7.32 Attaccare frontalmente il Capo? Troppo rischioso!

(SUPER)IMPEGNO NEL LAVORO
7.33 Palmiro e il dodecalogo del lavoratore instancabile
7.34 Il lavoratore instancabile va in riunione
7.35 Dormire al lavoro senza essere licenziati? Si può, eccome!
7.36 Quando la pennica è produttiva
7.37 Il manager dalla doppia giacca
7.38 La delega funziona sempre. Verso l’alto
7.39 Conosci la delega della cameriera?
7.40 Dieci buone ragioni per sovraccaricarsi di lavoro

Conclusioni

COME SCENDERE DAL LETTO DI PROCUSTE?

Bibliografia essenziale

Ringraziamenti


Acquista Palmiro su Amazon.it

{ 25 commenti… prosegui la lettura oppure aggiungine uno }

Rita Perrella novembre 17, 2014 alle 20:05

Complimenti e tanti TOI ! TOI !

Rispondi

Enrico dicembre 16, 2014 alle 13:47

Arduino,
sai se il libro è distribuito in qualche libreria di Torino?
Enrico

Rispondi

AM dicembre 16, 2014 alle 16:44

Ciao Enrico,
ecco le librerie che mi risulta ne abbiano ordinato almeno una copia:
– Il Banco di Bellentani snc
– La Feltrinelli Express
– La Feltrinelli Musica e Libri
– Mercurio Sas di Alessandri
Ecco anche un post che dice come puoi acquistarlo alternativamente
http://www.tibicon.net/2015/06/dove-acquistare-palmiro-sconto-libreria-e-commerce.html
Ciao e a presto leggerti,
Arduino

Rispondi

Dario dicembre 18, 2014 alle 17:07

Ho affrontato la lettura di “Palmiro”, conoscendo i valori ed i principi che contraddistingono l’autore, con il timore di non essere in grado di coglierne, fino in fondo il significato. E’ stata invece una bella sorpresa, il libro si è rivelato estremamente interessante, coinvolgente e veloce nella lettura. Ad ogni pagina si aggiunge un motivo per riflettere sui propri comportamenti e su quelli degli altri.
Secondo me è un libro adatto a tutti. E’ adatto ai lettori che cercano conferme in una visione del mondo del lavoro, e delle relazioni, fatto di sincerità, lealtà, rispetto, fiducia, correttezza dei comportamenti, lavoro in team, sempre.
Ma è anche adatto a chi la pensa in modo completamente diverso.
Mentre i primi potranno validare il loro “stile comportamentale”, i secondi avranno validi e numerosi spunti per migliorarsi.
Ecco alla fine il motivo per acquistare il libro : MIGLIORARE SE STESSI.
Spero che “Palmiro” abbia il successo che merita, nella speranza che ci aiuti tutti (chi più e chi meno) a costruire un mondo di relazioni migliori.
Grazie Arduino.

Rispondi

AM dicembre 19, 2014 alle 11:21

Grazie Dario, generoso commento il tuo, che mi stimola a continuare.
A presto leggerti e auguri!
Arduino

Rispondi

Pitto dicembre 19, 2014 alle 17:06

Faccio i complimenti all’autore: chiunque lavori all’interno di un’organizzazione non avrà difficoltà ad apprezzare «Palmiro», i suoi contenuti come lo spirito propositivo che lo anima. Consiglio di tenere il libro a portata di mano, anche in ufficio, magari sulla scrivania, accanto al computer. Può venire utile mi ogni momento.
Non vedo l’ora di leggere la seconda «puntata»!

Rispondi

AM dicembre 20, 2014 alle 15:36

Ciao Pitto,
grazie per il commento e felicissimo del fatto che Palmiro ti sia utile. Non so se ci sarà una seconda puntata, dipenderà molto dall’accoglienza del pubblico.
Posso dirti che certamente continuerò a scrivere sul blog e che potrai leggere la tua puntata ogni giorno iscrivendoti alla newsletter settimanale http://www.tibicon.net/tibimail
A presto leggerti e auguri!

Rispondi

MICHELE gennaio 2, 2015 alle 11:37

Questo libro andrebbe presentato anche nelle Aule Magne delle Università Italiane. Non solo presentato, ma anche ben spiegato, per far ben capire cosa aspetta i giovani una volta introdotti nel mondo del lavoro e, soprattutto come fare per migliorarlo.
Un po’ come nei film di Fantozzi, all’iniziale ilarità, si sostituirà la riflessione e la cosapevolezza, in particolare osservando che, al contrario di Villaggio, si tratta di vere storie di vita!

Rispondi

Cesare gennaio 11, 2015 alle 19:02

Buongiorno
è online la mia recensione al volume:
http://www.cioni.eu/?p=126
Saluti

Cesare

Rispondi

AM gennaio 12, 2015 alle 16:48

Grazie Cesare!

Rispondi

Andrea Colangeli gennaio 13, 2015 alle 12:40

ciao Arduino. In area romana hai informazioni sulle librerie che lo distribuiscono? grazie

Rispondi

AM gennaio 13, 2015 alle 13:02

Ciao Andrea,
felice di leggerti e di augurarti un eccellente 2015.
Le librerie che al momento hanno il libro in casa sono riportate qui http://www.tibicon.net/2015/06/dove-acquistare-palmiro-sconto-libreria-e-commerce.html
Fammi sapere se ci sono difficoltà.
A presto leggerti,
Arduino

Rispondi

Christian gennaio 14, 2015 alle 00:37

come mai il personaggio si chiama Palmiro e non, faccio un nome a caso, per esempio Alcide?

comunque ti auguro uno strepitoso successo!
Christian

Rispondi

AM gennaio 14, 2015 alle 07:26

Ciao Christian,
Palmiro è un nome che mi capita di usare nelle simulazioni in aula. Inoltre ha la caratteristica di essere un nome poco impiegato e sufficientemente noto.
Non c’è un riferimento a Togliatti: del resto, Palmiro a volte fa cose che lui difficilmente approverebbe…
Grazie del commento e degli auguri.
A presto leggerti,
Arduino

Rispondi

AM gennaio 18, 2015 alle 15:46

Ricevo da Maria, psicologa, questo commento al libro: lo pubblico dopo aver chiesto e ottenuto la sua autorizzazione.

Ciao Arduino,
Volevo dirti che ho letto “Palmiro” e, benché, il mio ambito lavorativo sia diverso e apparentemente opposto a quello aziendale, mi incuriosisce sempre notare somiglianze e differenze e applicarle al mio contesto.
Il capitolo sulla motivazione, ad esempio, penso sia utile in tutti i campi e a tutte le età; è verissimo, tra l’altro, che non è possibile motivare una persona tout court, ma bisogna prima di tutto creare le condizioni perché ciò sia possibile.
Ne so qualcosa a scuola, e anche nell’ambito dei colloqui psicologici, quando il cliente non viene esattamente di sua sponte, ma tramite invio…
Il “soffitto di cristallo” mi ha fatto sorridere, perché invece nell’ambiente lavorativo scolastico (nonché in psicologia e nel sociale in generale) la stragrande maggioranza è composta da donne, e i pochi uomini presenti spesso sono etichettati come gay (e a volte lo sono davvero!); oppure, se piacenti, subiscono gli “assalti” di maestre e maestrine che pare non abbiano mai visto un uomo in vita loro…
Ho assistito a scenette davvero pietose 😀
In quanto alle “tattiche di sopravvivenza”, le adotterò quotidianamente!!!
Tutto il libro è comunque interessante (alcuni posti li avevo già letti sul tuo blog), mi piace molto il tuo stile ironico, modo eccellente per trasmettere conoscenza divertendo.
Spero che Palmiro abbia il successo che merita.
Ti mando un saluto, buon weekend e ci aggiorniamo presto!

Rispondi

Antonella Luna febbraio 24, 2015 alle 18:35

Complimenti Arduino,
il tuo libro si legge tutto d’un fiato, scorre piacevolmente e ti strappa molti sorrisi.
Che cosa ha da invidiare a trattati accademici sull’argomento più blasonati? ASSOLUTAMENTE NULLA! Anzi lo ritengo molto più istruttivo perché si basa sulla concretezza di vita vissuta e non su casi teorici. Mi sono rivista in tante situazioni aziendali spesso rammaricandomi di non aver avuto il libro a portata di mano. A tratti ho rivissuto la frustrazione di far comprendere all’azienda che il Capitale Umano è alla base di ogni organizzazione e di trovarmi di fronte un muro di gomma.
Lo consiglio vivamente a chi vuole riflettere su situazioni vissute e verificare modi alternativi per affrontarle e a chi vuole imparare a districarsi nel difficile mondo aziendale.

Rispondi

AM marzo 2, 2015 alle 17:45

Grazie Antonella,
il tuo commento mi fa piacere e mi convince del fatto che pubblicare il libro è stata una buona scelta: come dice la quarta di copertina, l’intento è quello di aiutare Palmiro e il suo capo a vivere in modo più sereno e produttivo le dinamiche azziendali.
A prersto leggerti,
Arduino

Rispondi

Nicoletta Intelvi febbraio 25, 2015 alle 14:08

Interessante e simpatico. Mi viene anche da dire in continuo sviluppo, perché i vari paragrafi si possono arricchire di altre storie e teorie. Un’unica cosa: non mi sono particolarmente chiare le tattiche di sopravvivenza e (un’altra! uff!) percepivo nel leggere una nota di rassegnazione. Mah! probabilmente la percezione è che in legge….chi lo sà! In ogni caso mi iscrivo al tuo corso sulle domande aperte, quindi da qualche parte mi hai convinto! 🙂 🙂 🙂 Ciao.

Rispondi

AM marzo 2, 2015 alle 17:52

Ciao Nicoletta, grazie del commento.
In effetti hai colto un punto essenziale: il libro è un estratto dal blog e in fondo una sua propaggine. Quindi è, come il blog, in continua evoluzione: mi auguro che vorrai continuare a seguirla.
Mi incuriosiscono i tuoi dubbi circa le tattiche di sopravvivenza: se vuoi possiamo parlarne. La rassegnazione non è parte del libro, che vuole essere ottimista senza rinunciare a guardare i protagonisti con ironia e disincanto.
A presto leggerti,
Arduino

Rispondi

AM maggio 12, 2015 alle 10:57
Giovanni Ruggiero gennaio 14, 2016 alle 21:28

Ho letto il libro di recente. Devo confessare che mi ha sorpreso la semplicità con cui sono esposti e trattati gli argomenti. Non solo per l’utilizzo delle vignette che “alleggerisce” la lettura, ma anche per la praticità ed il realismo con cui vengono affrontati i diversi temi.
Mi sono ritrovato in moltissime situazioni, anche alcune perplessità sul mondo del lavoro che pensavo magari di avere solo io, ed invece ho scoperto che sono una realtà quotidiana.
Palmiro è ciascuno di noi, che ogni giorno si trova a gestire situazioni più o meno complesse per “sopravvivere” al mondo del lavoro, il quale il più delle volte è fatto di angosce e paure.
Lo consiglio a tutte le persone a cui piace dare un senso critico alle cose.

Rispondi

AM marzo 6, 2016 alle 16:59

Ciao a tutti,
ecco la recensione di Palmiro da parte di Valeria Savio sul Dialogo di Monza http://www.ildialogodimonza.it/palmiro-e-lo-smanagement-delle-risorse-umane/
Buona serata,
Arduino

Rispondi

Trizio ottobre 11, 2016 alle 18:37

Libro letto e sicuramente lo riprenderò in mano con più calma. Argomenti che spaziano in ogni dove, vignette che “parlano da se'”, umorismo ma soprattutto impossibile non ritrovarsi in una delle tante situazioni riportate. Io ho avuto il lampo quando ho capito di essere un soprammobile nonostante al lavoro mi sbatta e continui ad accumulare ferie e permessi Rol per non “rimanere indietro”. Nel mentre i miei colleghi fanno molto di meno per guadagnare molto di più, come suggerito da Arduino lasciero decantare il tutto per mettere in pratica una buona strategia una volta che il Palmiro che è in me avrà preso il sopravvento.

Rispondi

Andrea Colangeli marzo 12, 2017 alle 22:21

sto rileggendo Palmiro a distanza di tempo una seconda volta (come faccio quasi sempre con i testi che ritengo utili) e ragionavo sul fatto che a me è successo esattamente quanto descritto da Federico Silvestri nella prefazione, ovvero che ho incontrato Arduino in un momento complicato della mia vita professionale! Comunque la seconda lettura è anche più utile della prima, in quando vado a pescare quei concetti che magari avevo considerato marginali

Rispondi

AM marzo 17, 2017 alle 18:51

Grazie Andrea,
commenti come i tuoi incoraggiano a continuare a scrivere.
Buona serata e a presto leggerti.
Arduino

Rispondi

Lascia un commento